Alle Cinque Terre la prima “ZTL del mare”. Si navigherà solo elettrico

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento a Barche a Motore cartaceo + digitale e a soli 39 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Autore Alfonso Sabella
Scattata nel comune di Vernazza (SP)

Il parco delle Cinque Terre, in Liguria, è una delle porzioni di costa più belle della nostra penisola, ogni anno meta di milioni di turisti. È un’area marina protetta e per preservare al massimo la fauna ittica il consiglio Direttivo del Parco delle Cinque Terre ha approvato una novità importante nel Disciplinare integrativo 2024 dell’Area Marina. L’istituzione di una zona di tutela speciale, la prima in Italia, che consentirà a partire dal 2025 la navigazione solo in elettrico in alcune aree particolarmente minacciate. Una sorta di ZTL del mare. 

Cinque Terre. Perché si naviga solo in elettrico e dove

Tutto nasce dalle attività di monitoraggio sull’inquinamento acustico e gli impatti sulla fauna ittica svolta tra il 2019 ed il 2023. A questo studio hanno partecipato realtà come l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, dall’Università della Sorbona, dall’Università di Perpignan, dall’Istituto Chorus e della relazione sull’effetto riserva a cura della Stazione Zoologica Anton Dohrn. Cos’è emerso? Il troppo rumore dei motori endotermici.

Da qui la necessità di identificare un sistema di regole sempre più chiare e condivise, e dunque più incisive, nella mitigazione della pressione in crescita su una fascia costiera di dimensioni ridotte, con impatti sulla salute degli habitat e delle specie marine e sulla stessa persistenza di un’economia del mare. In questo senso, entro i prossimi tre anni, i noleggi di barche a motore dovranno adeguare il sistema propulsivo in questo senso.


Potrebbe interessarti:

Aprite le Aree Marine Protette! Fanno bene all’Italia


Cosa succede ora

“L’area di speciale tutela sarà la soluzione – spiega Donatella Bianchi, dal 2014 al 2022 Presidente del WWF Italia e dal 2019 Presidente del Parco nazionale delle Cinque Terre. – alle esigenze di tutela del mare in un’area di particolare pregio naturalistico. Apprezzata da milioni di persone e al centro di uno sviluppo socioeconomico importante, ma che non può essere illimitato per la fragilità dell’ecosistema e deve traguardare la massima sostenibilità. Siamo tra le AMP più monitorate e studiate del Mediterraneo, tra quelle più innovative in termini di soluzioni tecnologiche e al tempo stesso tra quelle dove si avverte la necessità di una gestione efficace. L’istituzione della prima “ZTL” marina in un Parco nazionale è la risposta a queste esigenze. Da una parte verranno garantite quelle attività e imprese determinate a raggiungere reali obiettivi di sostenibilità con il sostegno del Parco; dall’altra, mi auguro che anche i residenti, nel tempo, possano trasformare i motori delle loro imbarcazioni per navigare sempre più in elettrico, compatibilmente con le esigenze di sicurezza della navigazione e della salvaguardia della vita umana in mare, che è sempre la prima regola da rispettare. Stesso percorso di transizione dovrà essere nel tempo seguito dai mezzi del a trasporto passeggeri.” 


7 barche elettriche (da 7 a 9 metri) da tenere d’occhio

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

9 commenti su “Alle Cinque Terre la prima “ZTL del mare”. Si navigherà solo elettrico”

  1. Ed ecco che le inutili ma voraci bocche degli ignobili parassiti vomitano un’altra delle loro idiozie degne dell’ultimo dei ritardati

  2. Gianfilippo Traversa

    A chi giovano queste Aree Protette? Operazioni belle sulla carta ma mai foriere di benefici concreti che tengano in conto anche le legittime aspettative di chi la nautica la pratica da sempre in modo rispettoso, indipendentemente da qualche iniziativa di facciata. Se veramente ci fosse un vantaggio apprezzabile per l’ambiente, non dovremmo vedere rifiuti ammassati sulle coste, barche che stanno tutto il giorno col generatore acceso, moto da acqua che ronzano e saltano ovunque, accessi incontrollati e mai verificati, fondali con rifiuti sparsi di ogni genere. Invece accade tutto il contrario. Allora cosa state limitando? E soprattutto chi è preposto concretamente al controllo ed alla salvaguardia delle Aree Protette? E con quali poteri coercitivi e sanzionatori? Risposta: nessuno.

  3. E i vari battelli che ingolfano ogni week end tutte le 5 terre (e non solo), vomitando a terra migliaia di saccopelisti maleducati. .. anche quelli saranno elettrici? Ma andate a ranare ecorompiglioni

  4. concordO pienamente con i commenti scritti da CECCO, ANDREA e WALTER … e per decenza non aggiungo altro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei già abbonato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Entra nel Club del Giornale della Vela

Le barche a motore, le sue storie, dal piccolo open ai motoryacht. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevere ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”.

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Una cala dell'Isola di Ponza

Nelle acque di Ponza e Palmarola si entrerà con il ticket

Grande novità per i diportisti che sono soliti visitare con la propria imbarcazione le isole Pontine di Ponza e Palmarola. A partire da questa estate (in via sperimentale) entrerà infatti in vigore il cosiddetto “ticket di stazionamento“. Ecco tutti i

BARCHE USATE Vendono 3 “chicche” da 6 a 16 metri

Oggi vi portiamo alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate che trovate nella sezione degli annunci di Barche a Motore. Uno spazio pensato per voi dove poter vendere e comprare barche usate, affittare e vendere posti barca, accessori e